.
2 gg 2 notti a Carcassonne  (estensione da Porto Torres e Barcellona) Agosto 2014
.
Superata la Costa Brava in Spagna attraversammo il confine con la Francia virando nell'entroterra in direzione dei Pirenei; le autostrade si restrinsero a due, tre corsie ma il limite di velocità francese in compenso salì come il nostro a 130K/h.
Come tappa, prima di proseguire per altri 300 Km sino a Lourdes, scelsi Carcassonne per la quantità di attrazioni della zona, dalla meravigliosa cittadina medioevale fortificata che sorge nella periferia della città moderna sino alla quantità di grotte visitabili (le più famose quelle di Cabrespine), gite in barca e persino uno zoo australiano con tanto di canguri (???).
Nel nostro caso non avemmo molto tempo in quanto ci fermammo solo una notte all'andata ed una notte al ritorno quindi, tenuto conto degli orari di check-in e check-out optatammo per visitare subito appena arrivati la cittadella antica mentre al ritorno dopo le sfacchinate di Lourdes ci limitammo ad un po' di relax nella (deserta) piscina dell'hotel. Anche la scelta dell'hotel non fu casuale: soggiorno e prima colazione al Mercure Carcassonne Porte de la Cite, un albergo quattro stelle con parcheggio e wi-fi a meno di cinque minuti a piedi dai bastioni medioevali, con vista sul castello e sulla meravigliosa campagna circostante e con una colazione a buffet pantagruelica, ideale per saltare il pranzo e tirare sino a cena che arrangiammo con l'ultimo scatolame avanzato dalla Sardegna...d'altronde dove si può fare economia si fa... altrimenti in quattro diventa duro viaggiare ;-) 
La cittadina medioevale è molto più grande di quello che mi aspettavo con un'imponente doppia cinta muraria di 2 km con 53 torri;  i primi bastioni risalgono al 5° secolo ad opera dei Visigoti ma ebbe il massimo splendore tra il 12° e il 13° secolo ed è arrivata intatta sino ai giorni d'oggi grazie ad una saggia opera di restauro.
E' il luogo con maggiore concentrazione di locali dove mangiare, bere o comprare dolciumi che abbia mai visto in vita mia. C'è molto turismo soprattutto francese, non ho sentito parlare italiano nella folla ma so che talvolta fanno tappa i pullman dei viaggi organizzati italiani verso Lourdes provenienti da Fatima in Portogallo e Madrid o direttamente da Barcellona via nave da Civitavecchia.
Le foto del borgo medievale parlano da sole, un dedalo di stradine zeppe di gente tra le architetture che sembrano uscite da una favola di altri tempi. 
Prima di iniziare la lunghissima passeggiata all'interno pensai di fare un giro preliminare tra le doppia cinta di mura su uno dei carretti trainati dai cavalli: col senno del poi non lo rifarei, secondo me non vale il prezzo del biglietto ...meglio spendere i soldi per le piccole attrazioni all'interno come il Museo dell'Inquisizione e degli strumenti di tortura, o come feci io per far divertire le mie due figlie (8 e 13 anni) fare un giro alla Maison Hantee , una casa della paura dove nel buio bisognava seguire un percorso dove si aprivano e chiudevano porte con qualche effetto speciale ma soprattutto con un tizio incappucciato che all'improvviso spuntava gridando... sembrerebbe un'attrazione spazzatura ma vi assicuro che fu d'effetto: porto ancora i segni delle unghiate di paura della più grande aggrappata al mio braccio, la piccola invece voleva fare il bis!
Peccato solo non aver potuto partecipare al torneo dei cavalieri medioevali che si teneva alcuni giorni dopo :-(
All'interno della cittadella ci sono dei piccoli graziosi hotel ma non è possibile entrare con l'auto privata e fuori della mura ci sono dei parcheggi a pagamento non proprio economici quindi consiglio a chi va di soggiornare immediatamente all'esterno del borgo.
Ultimo (ma non ultimo) edificio importante è la gotica Basilica di Saint-Nazaire.
Torna indietro a Barcellona Agosto 2014 Continua il viaggio verso Lourdes