Appunti di Viaggio nello Sri Lanka
Appunti di Viaggio nello Sri Lanka
E’ una realizzazione:  SteveR           On line da Gennaio 1999
APPUNTI DI VIAGGIO NELLO SRI LANKA GENNAIO 1999
Info generali:    Lo Sri Lanka ha circa 18 milioni di abitanti ed è lungo da Nord a Sud circa 425 Km mentre da Est ad Ovest 225 Km. Le   principali   esportazioni   sono   tè,   riso   e   cocco.   Intorno   al   1500   fu   colonia   portoghese,   poi   un   secolo   dopo   olandese,   infine   intorno   al   1700   divenne possedimento   inglese   sino   al   1948   anno   dell'indipendenza.   Sino   al   1972   si   chiamò   Ceylon   (   nome   dato   dagli   inglesi   ),   poi   fu   cambiato   in   Sri   Lanka   che vuol   dire   "Isola   Splendida".   E'   anche   soprannominata   la   "perla   dell'Indiano"   .   Il   modo   più   comune   per   salutarsi   è   unire   le   mani   e   dire   "ei   buan"   che letteralmente   significa   "lunga   vita"   ma   si   può   tradurre   con   un   semplice   "Ciao   !".   Tutte   le   religioni   convivono   più   o   meno   pacificamente,   la   principale   è   il buddismo Mahayana ( 72%), una forma di buddismo molto antica. Periodo   migliore:   Gennaio-Febbraio   in   quanto   non   ci   sono   i   due   monsoni   che   colpiscono   alternativamente   il   Sud-Ovest   dell'isola   a   Marzo-Luglio   e   il Nord-Est   ad   Ottobre-Dicembre,   inoltre   in   questo   periodo   il   clima   è   meno   caldo-umido   e   le   zanzare   meno   frequenti   (   portarsi   comunque   un   repellente   ), quindi   si   può   saltare   la   profilassi   malarica   con   meno   pericolo   (   in   genere   non   la   fà   nessuno   ma   sta   a   voi   decidere,   non   mi   assumo   responsabilità   )   . Fatevi comunque un ciclo di anti-tifo ( tre semplici pastiglie ). Attenzione agli incidenti stradali: frequenti. IL   NOSTRO   VIAGGIO:    Tutto   iniziò   il   22   Gennaio   del   1999   quando   io   e   mia   moglie   partimmo   da   Roma   Fiumicino   alle   12,30   con   il   volo   EK18 dell'Emirates   (   una   compagnia   che   per   me   si   è   distinta   per   gentilezza   e   comodità,   per   non   parlare   dei   programmi   televisivi   in   Italiano   sui   piccoli   schermi a   cristalli   liquidi   posti   in   ogni   sedile   )   verso   Dubai   (   via   Nizza   )   dove   arrivammo   dopo   circa   8   ore   e   mezzo   (   ore   24.00   locali   )   .   Tre   ore   e   mezzo   a   nostra disposizione   nello   scalo   degli   Emirati   Uniti   dove   ammirammo   una   moltitudine   di   razze   e   di   costumi   arabi   nonchè   uno   dei   Duty   Free   più   forniti   al   mondo   e poi   via   con   il   volo   EK800   verso   Colombo,   la   capitale   dello   Sri   Lanka   (   poco   più   di   quattro   ore   di   volo   ).      Sbarcammo   verso   le   10.00   (   5   ore   in   più   rispetto l'Italia   )   e   poichè   era   il   nostro   primo   "vero"   viaggio   in   Oriente   rimanemmo   subito   sconvolti   dall'assalto   di   alcuni   ragazzi   che   si   offrivano   di   portarci   la valigia   per   50   metri   per   10-15.000   lire   italiane:   capii   subito   che   bisognava   contrattare   tutto   e   non   lasciarsi   intimidire   dall'intraprendenza   locale   (   me   la cavai con 2 dollari anche se il ragazzo non fu contento! ). Appena   fuori   mi   aspettava   Lucky,   la   mia   guida   in   lingua   italiana   (   che   rispondeva   all'organizzazione   Connaissance   de   Ceylan      )   seguita   da   un   autista   ed un   bel   pulmino   4   x   4   con   aria   condizionata   (ce   n'era   bisogno   !   benchè   fosse   inverno   anche   per   loro   !).   Dopo   le   presentazioni   (   la   guida   ci   raccontò essere   un   ex   professore   che   aveva   cambiato   lavoro   per   non   essere   trasferito   lontano   dalla   moglie   che   era   pure   professoressa   a   Colombo   )   e   chiuso   a fatica   il   portellone   a   causa   dei   tanti   venditori   locali   che   si   affollavano   intorno   a   noi,   partimmo   subito   per   Dambulla   dove   avremmo   alloggiato   al   Culture Club Resort in un bungalow in stile indiano molto pulito e caratteristico. Nelle   successive   ore   di   viaggio   avremmo   capito   subito   la   bellezza   di   quest'isola   indiana   :   giungle,   foreste,   palmeti,   risaie,   piantagioni   di   tè,   ruscelli, antichissimi   laghi   artificiali,   tantissimo   verde   e   tantissima   acqua   !   Sparsi   lungo   la   strada   coloratissimi   banchi   di   frutta   tropicale   venduta   a   prezzi   talmente irrisori   che   se   avessi   voluto   mangiare   un   paio   di   ananas   neanche   le   avrei   pagate   !   A   questo   proposito   volevo   raccomandare   proprio   gli   ananas   (una razza   particolare,   grande   e   molto   allungata)   che   erano   dolci   più   che   in   altri   luoghi   tropicali      !!!   ;   meno   buone,   ma   curiose,   le   grandi   banane   rosse   .   Altri prodotti diffusi erano le arachidi e gli anacardi...slurp ! Posati   i   bagagli   presso   il   meraviglioso   resort,   partiamo   subito   con   le   escursioni.   Prima   tappa:   Polonnaruwa ,   un'antica   capitale   (   dal   9°   al   13°   secolo   ). Qui   ci   sono   le   rovine   di   una   grande   città   medioevale   colma   di   templi   buddisti   (   ce   n'è   anche   un   Indù   fatto   costruire   da   un   antico   re   per   sua   moglie   )   con statue,   piscine   ed   abitazioni   e   ricorda   un   pò   come   estensione   la   nostra   Pompei   tanto   che   per   girarla   di   tanto   in   tanto   dobbiamo   usare   il   pulmino.   Mi hanno   detto   che   per   secoli   si   era   persa   memoria   ingoiata   dalla   giungla   ed   era   stata   ritrovata   solo   da   alcune   decine   di   anni.      Tutti   i   templi   anche   se   in rovina   erano   tornati   ad   essere   attivi   a   tutti   gli   effetti,   infatti   ad   ogni   statua   di   Buddha   corrispondeva   un   altare   con   le   offerte   di   petali   freschi   di   loto   ( simbolo   della   vita,   fresca   e   profumata   in   gioventù   ed   appassita   nella   vecchiaia   )   ed   incenso   (   che   scaccia   il   maligno   )   e   per   entrare   bisognava   togliere   le scarpe   (   a   questo   proposito   vi   consiglio   di   munirvi   di   calzini,   magari   quelli   distribuiti   in   aereo   ).Caratteristiche   sono   le   pietre   di   "mezza   luna   ",   una   sorta di   "zerbino"   semicircolare   (   scusate   il   termine   ma   è   per   rendere   l'idea   )   di   pietra   posto   all'entrata   dei   templi,   finemente   lavorato   con   simboli   animali   che lo   dividono   in   altri   semicerchi   paralleli   (   tipo   tiro   a   segno   )   e   con   al   centro   scolpito   un   fiore   di   loto.   Ogni   simbolo   rappresentava   una   fase   della   vita   : nascita,   gioventù,   maturità,   vecchiaia,   malattia,   morte:   quando   una   persona   entrava   in   un   tempio   e   camminava   sui   vari   simboli   doveva   meditare   sullo scorrere   della   vita   sino   ad   arrivare   al   centro   dove   c'era   il   fiore   di   loto;   solo   allora   aveva   depurato   la   sua   mente   e   poteva   essere   degno   di   andare   al cospetto   di   Buddha.   Tra   i   ruderi   qualche   turista   (   pochi   ),   venditori   di   cartoline   e   statuette   di   Tek,   bufali   d'acqua,   piccoli   ma   tranquilli   cani   randagi, famigliole in pellegrinaggio, monaci dai tipici abiti arancione acceso e tanto verde ! Ma   è   il   senso   di   pace   ed   il   silenzio   che   ti   colpisce   !   tipico   della   cultura   meditativa   di   una   filosofia   come   il   buddismo,   che   è   una   religione   che   nasce all'interno dell'animo umano anzichè da eventi esterni divini o celesti . A   Polonnaruwa   possiamo   inoltre   ammirare   il   Palazzo   reale   ed   il   Gal   Vihara ,   un   anfiteatro   di   granito   dove   troviamo   tre   statue   (   una   lunga   18   metri   !) raffiguranti   il   Buddha   Disteso,   in   piedi   e   seduto   in   meditazione.La   sera   ritornammo   finalmente   in   albergo   dove   potemmo   gustare   un   buffett   molto   vario e   "variopinto"   di   cibi,   tutti   buonissimi   e   speziati   soprattutto   a   base   di   carne   e   riso   cucinati   in   mille   maniere   !   e...dopo   cena:   l'immancabile   spettacolo   di danzatrici   e   danzatori   coloratissimi   con   i   loro   particolari   strumenti   a   fiato   e   percussione.   Tutte   le   scene   di   danza   si   basavano   su   storie   d'amore,   guerra   o raccolta del riso. Gli abiti e le maschere molto pittoresche ! Divertenti anche i giochi di prestigio ai quali addirittura dovetti partecipare ! Il   mattino   seguente   andammo   a   fare   colazione,   la   vista   del   lago   era   meravigliosa   e   mi   stupii   dell'assenza   (   anche   di   notte   )   delle   zanzare   ( completamente   assenti   in   questo   periodo,   molto   secco   ).   Negli   arbusti   vicino   i   tavoli   scesero   molti   scoiattoli   a   reclamare   il   cibo   direttamente   dalle   nostre mani ed anche i merli indiani pretesero la loro parte !!! Dopo   una   mezz'oretta   eccoci   in   partenza   verso   la   rocca   di   Sigiriya .   Lungo   la   strade   notammo   spesso   delle   insegne   con   la   scritta   "safari   elephant"   e chiedemmo spiegazioni...erano i luoghi dove potevamo fare una bella gita in elefante e nei pressi della giungla di Manika decidemmo di provare. Molto   interessante   fu   la   preparazione:   l'elefante   veniva   imbracato   con   un   vecchio   materasso   legato   con   le   corde   sotto   la   pancia   ed   un   altro   sul   dorso, seguiva   una   coperta   ed   un   baldacchino   di   metallo   dove   le   persone   potevano   stare   sedute   con   le   gambe   penzolanti.   Salimmo   sull'elefante   tramite   una scaletta   di   legno   ed   iniziammo   a   camminare   prima   in   campagna,   poi   nella   giungla,   poi   nell'acqua   di   una   palude.   Il   portatore   ci   seguiva   a   piedi   dietro l'elefante.   Poi   a   metà   strada   decise   di   farmi   "guidare".   Uscii   dal   "sicuro"   baldacchino   per   andarmi   a   posizionare   sulla   testa   con   le   gambe   sotto   le possenti   e   "dure"   orecchie   capaci   quasi   di   schiacciarmi   le   cosce.   Con   alcuni   movimenti   delle   gambe   ed   il   bastone   uncinato   in   mano   (   non   usato   )   guidai il   mio   elefante   sino   a   che   all'improvviso   disubbidendo   agli   ordini   non   incominciò   a   dirigersi   verso   una   capanna   sfondando   i   paletti   di   cinta...con   tanto   di filo   spinato...non   capivo   cosa   stava   succedendo   !   Ben   lo   capiva   però   l'inquilino   della   capanna   che   correndo,   in   10   secondi   netti:   uscì   di   casa,   si arrampicò su una alta papaya, staccò il frutto e lo offrì al pachiderma che subito tornò sulla retta via. Consiglio   a   tutti   un   oretta   di   "elephanting"   poichè   tra   tutti   gli   animali   che   ho   cavalcato   (   cavalli,   asini,   muli,   dromedari   )   è   il   più   simpatico,   mansueto   e soprattutto   "comodo"   anche   se   un   pò   capriccioso   (   deve   essere   coccolato,   lavato   almeno   3   volte   al   giorno,   assecondato   nelle   sue   "fisse",   etc.   ).   Alla   fine del safari vi rilasciano anche un attestato/diploma di ricordo. Il   percorso   in   pulmino   fu   lungo   e   complesso,   strade   strette   asfaltate   si   alternavano   a   strade   bianche   e   molto   spesso   incontrammo   auto   incidentate, soprattutto   ribaltate   ai   lati   delle   strade,   per   non   parlare   dei   rallentamenti   frequenti   causati   da   carri   dei   buoi   (   molto   usati   e   colorati   ),   elefanti   al   lavoro   ( se   fotografati   i   loro   padroni   mi   rincorrevano   chiedendomi   i   soldi   !,   quindi   dovetti   prepararmi   a   chiudere   il   portellone   o   aprire   il   portafogli   )   e   processioni di   monaci   buddisti.Spesso   i   problemi   di   tempo   erano   causati   dai   numerosi   posti   di   blocco   militari   (   super-armati   con   bidoni   di   sassi   che   sbarravano   la strada   e   grandi   chiodi   sull'asfalto   da   rimuovere   di   volta   in   volta   )   nei   quali   venivano   chiesti   i   documenti   e   talvolta   effettuati   perquisizioni.   Volevo ricordare   infatti   che   da   molti   anni   nello   Sri   Lanka   c'è   una   guerra   civile   tra   il   governo   ed   i   Tamil   (   Indù   originari   del   Sud   dell'India   )   che   reclamano l'indipendenza   del   Nord   dell'isola.   Per      questo   motivo   purtroppo   ci   sono   stati   degli   attentati   suicidi   dinamitardi   che   nel   passato   (   per   esempio   nel Gennaio   1998   a   Kandy   )   hanno   coinvolto   anche   turisti.   Oggi   la   situazione   almeno   per   noi   viaggiatori   è   più   sotto   controllo   grazie   agli   aumentati   controlli in   prossimità   di   templi   ed   altri   siti   turistici.   Infatti   fummo   perquisiti   corporalmente   decine   di   volte   (   più   volte   anche   all'interno   dello   stesso   sito   ) facendoci   entrare   nelle   "baracche   di   controllo"   per   donne   e   uomini   (   chiaramente   la   milizia   maschile   perquisiva   gli   uomini   e   quella   femminile,   spesso aeronautica, le donne ). Vennero   controllate   anche   borse   e   zaini   con   accuratezza   ma   sempre   con   sufficiente   educazione.   Colombo,   poi   mi   apparse   come   una   capitale letteralmente   blindata:   ogni   angolo,   ogni   traversa   aveva   il   suo   fortino   di   sacchi   di   sabbia   con   dentro   militari   e   mitragliatici   da   campo   in   assetto   di   guerra ! Ma torniamo al nostro viaggio. Arrivammo   finalmente   a   Sigiriya,   uno   sperone   di   roccia   (   Unesco-   5°   secolo   A.C.   )   alto   200   metri   dove   sorgono   le   rovine   del   palazzo   reale   (   è   rimasto intatto   solo   il   trono   ed   una   scalinata   delimitata   da   due   grandi   zampe   di   leone   vicino   le   quali   prendeva   il   sole   in   un   cespuglio   un   camaleonte   !   )   del   re Kassapa   che   uccise   il   padre   per   succedergli   al   trono.   E   qui   scatta   la   leggenda:   si   narra   che   un   re   saggio   aveva   due   figli.   Quello   più   venale   chiese   al padre   di   mostrargli   le   sue   ricchezze   aspettandosi   di   vedere   ori,   gioielli   e   denari.   Il   padre   acconsentì   e   portandolo   in   riva   ad   un   lago   gli   mostrò   l'acqua   e disse   :   "questo   è   il   mio   tesoro   !".   Il   figlio   indignato   della   risposta   uccise   il   padre   e   si   rifugiò   per   18   anni   nella   rocca   di   Sigiriya   dove   visse   fino   a   che   suo fratello non lo uccise per vendicare il padre. La   parte   più   dura   fu   la   salita.   Poco   adatta   ai   "pigroni"   fu   veramente   faticosa.   1400   scalini   talvolta   ampi   di   pietra,   talvolta   angusti,   talvolta   metallici   e sospesi   nel   vuoto   (   meglio   non   guardare   giù   soprattutto   per   chi   soffre   di   vertigini   )   Ad   un   certo   punto   del   percorso   una   scaletta   a   chiocciola   mi   portò   in un   anfratto   della   roccia   dove   ammirai   dei   meravigliosi   affreschi   :   "le   Fanciulle   delle   Nuvole"   ,   ritratti   di   ragazze   con   grandi   seni   tondi   scoperti   ed adornate   di   gioielli   .   Più   in   alto   trovai   una   piazzola   molto   ampia   dove   poter   riposare   prima   dell'ultima   tappa   più   breve   ma   più   ripida   (   in   quest'ultimo tratto   c'erano,   per   i   meno   atletici   e   per   gli   anziani,   molti   volenterosi   locali   che   dietro   mancia      trascinavano   i   turisti   a   forza   sino   alla   sommità   della   rocca   ! )   Lo   spettacolo   che   si   gode   dall'alto   è   superbo   poichè   questa   rocca   si   erge   all'interno   di   una   giungla.   Una   breve   sosta   e   poi   ritornammo   alla   base   dove   ci aspettavano   oltre   ai   soliti   venditori   anche   gli   incantatori   di   serpenti   (   cobra   )   e   gli   allevatori   di   pitoni   (   non   ho   saputo   resistere   dal   farmi   fare   a pagamento   una   foto   con   il   pitone   sulle   spalle...pensavo   fosse   più   leggero   !   )Si   riparte   verso   Anuradhapura,   la   prima   capitale   (   dal   5°   al   9°   secolo   ) dell'isola.   Qui   ammirammo   il   tempio   di   dell'albero   di   Bodhi   dove   si   dice   ci   sia   l'albero   più   vecchio   del   mondo,   un   ficus   piantato   tramite   una   talea   di   un albero   indiano   sotto   il   quale   il   principe   Siddharta   meditando   diventò   Buddha   (   che   significa   "colui   che   ha   trovato   la   strada,   l'illuminazione   ).   Seguirono molti   altri   templi   tra   cui   l'immensa   stupa   bianca   (   una   "stupa"   è   una   specie   di   cupola   chiusa   dove   dentro   spesso   vengono   custodite   delle   reliquie   )   che   si diceva   contenere   la   clavicola   del   Buddha,   con   i   suoi   elefanti   di   pietra   a   guardia.   Il   riflesso   del   bianco   e   l'ora   (   dopo   pranzo   )   infuocavano   il   tempio   ed   a stento   si   riusciva   a   camminare   scalzi   tanto   scottava   il   marmo   !   Da   citare   il   Palazzo   di   rame,   un   immenso   monastero.   Anche   qui   bufali,   venditori   e scimmie "randagie" completavano il paesaggio ! Ovunque molti bambini. A   questo   proposito   vi   consiglio   di   portarvi   dall'Italia   un   chiletto   di   caramelle   morbide   perchè   ogni   bambino   (   e   non   solo   )   che   vi   guarderà   vi   chiederà "bon-bon   oppure   toffie!   (   appunto   le   caramelle   ),   così   come   vi   chiederà   "   school-pen   "      (   vanno   bene   anche   le   Bic   )   che   esibiranno   a   scuola   come   trofeo turistico.   Talvolta   chiedono   i   cappellini.   Banane   e   caramelle   vennero   offerte   anche   alle   numerose   scimmiette   (   attenzione   non   avevano   un   buon carattere   !   )   che   si   avvicinavano   con   sfrontatezza   ai   turisti   .   Vi   raccomando   di   preparare   a   portata   di   mano   un   mazzetto   di   1000   lire   italiane   ( accettatissime   dagli   ambulanti   )   per   i   piccoli   acquisti   e   le   mance.   Consiglio   di   portarne   un   centinaio   !   Negli   alberghi   invece   vengono   accettate   anche   le carte   di   Credito,   utili   anche   per   avere   valuta   locale   (   la   Rupia   dello   Sri   Lanka   circa   27   lire/   0,014   Euro   nel   2000   )   nelle   banche,   purchè   statali   (   Banche du Ceylon ). Il   nostro   itinerario   continuò   verso   Dambulla .   Lungo   il   tragitto   incontrammo   un   giovane   monaco   (   con   il   consueto   ombrello   nero   in   mano   proteggi-sole e   proteggi-pioggia   )   che   faceva   l'autostop;   lo   caricammo   a   bordo   per   un   pò   e   dopo   una   chiacchieratina   acconsentì   volentieri   di   farsi   fotografare   con   noi. Una   breve   visita   al   villaggio   di   Dambulla   e   poi   (   altra   scalinata   per   fortuna   più   breve   !   )   visita   al   tempio   di   roccia   (cave)   ,   uno   dei   complessi   monastici   più suggestivi   :   formato   da   5   grotte   semibuie   dove   circa   500   statue   di   Buddha   ed   altrettante   raffigurazioni   creavano   un   atmosfera   surreale,   nel   silenzio   e nel   gioco   di   luci   soffuse.   Purtroppo   a   causa   di   una   turista   che   profanò   uno   dei   templi   facendosi   fotografare   sopra   un   Buddha   dormiente   (   ricordo   che   il Buddha   va   sempre   fotografato   da   solo,   cioè   senza   alcuna   persona   nè   davanti,   nè   di   lato,   sappiate   che   è   vietato   farvi   fotografare   con   un'immagine   di Buddha   anche   solo   come   sfondo   !!!   )      ora   in   queste   grotte   è   vietatissimo   fotografare   o   filmare   e   per   questo   all'entrata   venivano   mostrati   appesi   vari rullini   aperti   e   videocassette   danneggiate,   trofei   di   turisti   maleducati.   Ricordate   di   non   essere   mai   oltraggiosi   e   di   rispettare   le   usanze   (   e   le   leggi   ) anche   in   presenza   di   una   statuetta   di   Buddha   danneggiata   o   erosa   dal   tempo,   infatti   sono   tutte   molto   venerate   !!!   E   se   acquistate   delle   immagini   sacre sappiate   che   se   vi   recherete   in   un   paese   musulmano   (   tipico   è   continuare   il   viaggio   per   le   Maldive   )   vi   saranno   sequestrate   !   (   come   pure   gli   alcolici   o   le riviste contenenti donne poco vestite sia porno che mediche ). Continuò   il   viaggio...lungo   la   strada   l'alternanza   di   giungla   e   paesaggi   acquatici   ricoperti   da   una   nebbia   densa   e   superficiale   mi   offrì   molti   spunti   per   foto d'autore.   Ogni   tanto   facemmo   una   sosta   presso   alcune   case   private   (   poco   più   che   baracche   )   per   vedere   qualcosa   sulla   vita   rurale   quotidiana.   Dietro mancia   vedemmo   delle   cose   interessantissime   come   la   raffinazione   manuale   del   riso,   la   fabbricazione   delle   corde   con   la   fibra   di   cocco   (   oltre   che   i   più famosi   cappellini   e   sporte   fatte   di   foglia   di   cocco   ),   la   macinazione   della   polpa   per   fare   il   latte   e   così   via   !   Ovviamente   in   ogni   casa,   in   ogni   attività   ci offrirono   l'immancabile   tè   che   qui   ha   la   sua   massima   espressione.   Nel   paese   infatti   viene   coltivata   la   più   pregiata   varietà   di   tè   al   mondo,   il   B.O.P.   ( Broken   Orange   Peacho   Pekoe   )   e   per   questo   visitammo   una   piantagione   ed   una   fabbrica   di   tè   di   Ceylon   (   in   località   Nuwara   Eliya   )   aperta   apposta   per noi   (   era   chiusa   per   riposo   settimanale   )   dietro   un   esborso   di   20   dollari   Usa.   Istruttiva   fu   la   visita   al   giardino   delle   spezie   (   in   località   Matale   )   dove   mi furono   mostrate   tutte   le   piante   aromatiche   (   noce   moscata,   comino,   pepe,   sandalo,   canfora,   zenzero,   gin-seng   e   tante   altre   )   e   spiegate   in   inglese- gesticolese   tutte   le   proprietà.   Seguì   la   vendita   di   quest'ultime   (   io   comprai   solo   dell'ottimo   curry   nero   per   grigliate   che   penso   mi   basterà   sino   al   2016   ) nonchè   la   presentazione   di   unguenti   profumati   per   il   corpo   (   riuscii   a   scroccare   un   bel   massaggio   energico   e   tonificante   on-line   su   una   panchina   !   ).   Il massimo   fu   però   la   visita   alla   più   famosa   fabbrica   di   Batik   per   seguire   tutte   le   complesse   e   lunghe   (   ed   ancora   molto   artigianali   )   fasi   di   lavorazione:   il disegno,   la   ceratura,   la   colorazione,   la   bollitura   e   l'essiccatura,   il   tutto   ripetuto   per   ogni   colore   utilizzato.   Una   bella   srilankese   (   talvolta   ci   tengono   a   farsi chiamare   srilankesi   e   non   come   diciamo   noi   "singalesi"   perchè   i   singalesi   rappresentano   la   maggior   parte   dell'etnia   ma   non   il   popolo   intero,   appunto   i srilankesi,   formato   anche   da   minoranze   come   Arabi,   Indiani   Tamil   ed   altri   )   ci   accompagnò,   tra   mille   sorrisi   e   tè   con   biscotti,   nella   visita,   spingendoci dopo   a   comperare   qualche   prodotto   (   io   acquistai   due   bei   Batik   da   quadro   a   prezzi   però   non   economici   ).   Non   fatevi   convincere   nell'acquisto   di   un   abito indiano   colorato   a   Batik   perchè   in   Italia   non   lo   indossereste   mai   ed   il   costo   si   aggirava   intorno   alle   400-500.000   lire   !   (   alle   donne   lo   fanno   provare   per spingerle   all'acquisto   ).   Altre   attività   visitabili   sono   gli   artigianati   del   legno:   ricordo   con   interesse   molte   fasi   della   lavorazione   tra   cui   la   scultura   delle statuette,   la   colorazione   o   la   complessa   fabbricazione   delle   scacchiere   con   legni   di   vario   colore   nonchè   l'abilità   nel   trattare   il   bambù   .   Il   duro   e   scuro legno   di   Tek   è   il   più   usato.   Anche   qui   cercheranno   di   spingerti   a   comprare   addirittura   il   mobilio   di   casa   intero,   dicendoti   che   sono   specializzati nell'organizzare un cargo di spedizione in Italia ( umm!... non mi fiderei, specialmente dopo aver pagato in anticipo ! ). Seguì   un   pranzo   presso   una   ex   casa   coloniale   abitata   da   una   signora   anziana   francese,   mangiammo   nella   sua   camera   da   pranzo   per   la   prima   volta   con la   nostra   guida.   Già,   per   la   prima   volta   !,   infatti   nonostante   la   sera   avevamo   espresso   molte   volte   il   desiderio   di   mangiare   con   la   nostra   guida   (   anzichè lasciarla   mangiare   da   sola   qualche   tavolo   più   in   là   )   quest'ultima   si   era   sempre   rifiutata   per   motivi   di   rispetto.   Solo   dopo   cena   accettava   di   restare   con noi   per   rispondere   alle   nostre   numerosissime   domande   sulla   vita   quotidiana,   sul   buddismo   e   sul   programma   di   viaggio.   L'autista   poi   era   letteralmente messo   da   parte   e   la   nostra   guida   non   voleva   assolutamente   che   si   mischiasse   tra   noi   (   eppure   Lucky   mi   aveva   spiegato   che   nello   Sri   Lanka   non esistevano come in India le caste !!! ). Una   sera   mi   capitò   di      vedere   una   piccola   luce   all'interno   di   piccolissime   capanne   che   spesso   avevo   notato   e   che   sorgevano   sui   campi   a   5-6   metri   da terra.   Mi   avvicinai   e   notai   un   vecchio   in   compagnia   di   un   bimbo   con   un   cartoccio   di   giornale   pieno   di   riso   che   con   un   piffero   suonava   un   ritornello.   Mi spiegarono   che   era   un   usanza   stare   svegli   su   queste   "torrette   di   avvistamento"   e   suonare   per   allontanare   gli   animali   notturni   nocivi   per   i   raccolti.   Il vecchio mi fece segno con il dito di salire e una volta salita la precaria scaletta di legno mi chiese dei soldi ! Il   viaggio   proseguì   verso   la   parte   centrale   dell'isola,   verso   la   cittadina   di   Kandy ,   uno   splendido   agglomerato   urbano   (   ultima   capitale   del   regno   centrale singalese   )   con   un   meraviglioso   lago   artificiale   (   con   un   bel   tempietto   al   centro,   18°   sec.   )   circondato   dalla   tipica   periferia   fatta   di   vecchie   casette   di legno   e   mattoni,   una   sempre-presente   folla   di   gente   indaffaratissima   (   tipico   di   tutti   i   villaggi   dello   Sri   Lanka   ),   con   molti   sporchi   e   sgangherati   negozietti dove   si   vendeva   di   tutto   dalle   verdure   alla   carne   esposta   all'aperto   al   sole   circondata   da   mosche,   gli   onnipresenti   e   rumorosi   vecchi   taxi-ape   (   uguali   ai Tuk-Tuk   thailandesi   )   e   le   affollatissime   stazioni   di   autolinee   con   i   coloratissimi   e   fumosi   autobus   "Tata"   presenti   in   tutto   l'Oriente,   sempre   carichi   di passeggeri   fino   all'inverosimile   (   non   sò   con   quel   caldo   come   facevano   a   respirare   )   sbilenchi   per   il   peso   umano   e   con   moltissime   persone   appese   fuori, di   dietro   sul   para-urti   e   sul   tetto   !   Una   dritta:   se   volete   fare   una   telefonata   in   Italia   a   costo   molto   contenuto   basta   andare...nei   negozi   fotografici   dove   ci sono   dei   vecchi   telefoni   a   scatti   e   dove   si   può   ragionevolmente   trattare   sul   prezzo   !   (   6-7.000   lire   per   tre   minuti   contro   le   35.000   di   un   Hotel   ).   La   città di Kandy è chiamata anche in singalese Mahanuarè che significa "grande città " . Scansata   la   solita   folla   di   venditori   ci   dirigemmo   verso   il   tempio   di   Dalada   Meligawa ,   dove   è   custodita   la   reliquia   del   dente   di   Buddha   scampata   alle colonizzazioni   inglesi   e   portoghesi   che   in   questa   città   hanno   avuto   filo   da   torcere   !   Purtroppo   c'erano   molte   impalcature   e   molti   lavori   in   corso   a   causa dell'attentato   dinamitardo   dell'anno   prima   e   fu   molto   difficile   camminare   scalzi   tra   la   folla   che   pregava   e   i   calcinacci/vetri   in   terra   causati   dalla   bomba   e dai   tanti   muratori   all'opera.   Nonostante   lo   scempio   il   palazzo   si   mostrò   lo   stesso   con   tutto   il   suo   splendore,   soprattutto   per   le   pitture   sulle   pareti. Ovunque   fedeli   in   piedi   o   in   terra,   bambini,   anziani,   monaci,   una   moltitudine   di   persone   con   le   mani   giunte   o   semplicemente   con   petali   di   fiori   da   offrire. Al   piano   di   sopra   la   struttura   apparse   molto   suntuosa:   davanti   a   noi   un   tabernacolo   dorato   dove   dentro   era   custodito   dentro   sette   scatole   d'oro   il   dente del   Buddha   che   viene   esposto   al   pubblico   solo   ogni   sette   anni   in   occasione   di   una   festa   sacra.   Le   sette   protezioni   impedirono   il   suo   danneggiamento durante   il   cruento   attentato.   Moltissime   statue   di   ogni   grandezza   ed   immagini   del   Buddha   completano   la   stanza.   Molto   belli   furono   i   quadri   esposti   in   un corridoio   attiguo   che   spiegavano   le   tappe   della   vita   del   Buddha,   dalla   natività   alla   morte   e   che   per   similitudine   sono   paragonabili   alla   via-crucis   cristiana. All'uscita   riprendemmo   le   nostre   scarpe,   questa   volta   custodite   tra   altre   migliaia   da   un   guardiano   che   pretese   solo   una   piccola   mancia   e   ci   dirigemmo verso   il   nostro   hotel.   l'   Hotel   Le   Kandyan   sorgeva   su   una   collina   dalla   quale   si   godeva   il   paesaggio   della   città.   Appena   arrivati   ci   accolsero   con   il   classico bicchiere   di   tè   caldo   (   o   in   alternativa   una   tisana   bollente   di   spezie   piccantissime   ma   molto   buona   e   dissetante   )   e   le   pezze   umide   profumate   calde   per asciugare   il   sudore   sulla   faccia.   La   struttura   era   abbastanza   lussuosa   e   pulita   (   anche   se   economicamente   abbordabilissima   ),   con   i   camerieri   gentilissimi dalla   tipica   livrea   indiana   e   una   cucina   superba   e   sempre   molto   varia.   Anche   gli   spettacoli   notturni   di   danze   folcloristiche   e   saltimbanchi   furono   superbi, le danzatrici sempre bellissime e sensuali !. Il   mattino   seguente   continua   il   nostro   quarto   giorno   di   "tour   de   force".   Tappa   obbligata   a   Kandy   fu   il   famoso   giardino   botanico   di   Peradeniya ,   una vastissima   struttura   dove   trovammo   un   ampio   campionario   di   piante   della   fascia   tropicale,   dalle   spezie   alla   coca   fino   ai   Coco   de   Mer   seychellesi.   Sugli alberi più alti volteggiavano i pipistrelli giganti diurni ( chiamati volpi volanti ) tipici dell'Oceano Indiano. C'era anche una serra di orchidee. Il   pomeriggio   partimmo   per   Pinnawela    dove   risiede   l'orfanotrofio   degli   elefanti.   Qui   allo   stato   semi-brado   (   quindi   liberi   in   branco   tra   noi   )   vivono   molti elefanti   (   di   tutte   le   età   )   che   sono   rimasti   orfani,   magari   perchè   le   madri   sono   state   uccise   dai   bracconieri.   Infatti   nei   parchi   nazionali   dello   Sri   Lanka   ( visitabili   come   lo   Yala   ),   dove   ci   sono   molte   specie   di   animali   come   grandi   felini,cervi   e   coccodrilli      resistono   ancora   3.000   dei   30.000   elefanti   selvaggi che vivevano un tempo sull'isola. Fu   la   prima   volta   che   ci   trovammo   così   vicino   (   praticamente   ad   un   metro   )   ad   un   branco   di   decine   di   esemplari   non   addomesticati,   intenti   nelle   loro faccende   quotidiane,   qualcuno   con   i   piccoli   a   seguito.   Non   nascosi   un   pò   di   timore   ma   ero   affascinato   !      Più   in   là,   in   un   recinto,   degli   inservienti allattavano   artificialmente   gli   elefantini   più   piccoli   con   grandi   biberon   assecondando   gli   urli   di   eccitazione   ed   i   capricci.   Uscendo   fuori   dalla   struttura   ed attraversando   la   strada   vi   era   un   fiume   dalle   acque   basse   dove   dei   monaci   aspettavano   qualcosa...aspettammo   anche   noi   !   Quasi   all'improvviso spuntarono   un   branco   di   elefanti   giovani   che   a   tutta   velocità   corsero   per   il   viottolo   per   tuffarsi   in   acqua   (   se   non   avessimo   sentito   le   urla   della   gente, rivolte   proprio   a   noi,   ci   avrebbero   investito   in   pieno   !   ).   Lo   spettacolo   fu   dolcissimo   e   rilassante,   non   pensavo   quanto   potesse   essere   placido   vedere   gli elefanti fare il bagno, giocare, lavarsi... Poi   più   tardi   tornammo   nel   pulmino,   ma   prima   feci   un   giro   nelle   vicine   bancarelle   dove   acquistai   delle   magliette   di   ottima   fattura   a   prezzi   convenienti. Questa   volta   la   guida   mi   portò   di   sua   volontà   in   un   luogo   interessante   ma   proibito   (   almeno   se   si   viaggia   con   una   donna   )   :   la   fabbrica   delle   gemme   con annessa   miniera   di   zaffiri   in   disuso.   Lo   Sri   Lanka   è   uno   dei   maggiori   esportatori   di   pietre   preziose   e   la   fabbrica   ne   era   un   esempio:   vari   piani   di meraviglie   grezze   e   lavorate,   soprattutto   smeraldi,   diamanti   e   rubini.   Non   sò   quale   idea   avessero   di   noi   Italiani   in   termini   di   ricchezza,   ma   i   padroni dell'attività   rimasero   piuttosto   delusi   quando   non   volli   acquistare   i   gioielli   che   mi   avevano   mostrato   (   e   tentato   di      infilare   al   dito   ed   al   collo   di   mia   moglie ), tutti molto preziosi dal prezzo di svariati milioni di lire !!! Comunque la visita alla vecchia miniera ed al reparto di lavorazione fu interessante. Ci tengo a precisare che ogni qualvolta un commerciante od un ambulante ci proponeva un affare la nostra guida ci eclissava per ricomparire più tardi. Ci   spiegò   che   spesso   i   prezzi   proposti   erano   esorbitanti,   quando   non   si   trattava   di   truffe,   e   che   lui   era   costretto   ad   allontanarsi   (   anzichè   difenderci   ) perchè   era   molto   conosciuto   e   non   voleva   avere   problemi   !   In   pratica   doveva   fare   finta,   per   il   quieto   buon   vivere,   di   non   impicciarsi   anche   se preventivamente   (   o   di   nascosto   )   ci   avvisava   (   o   ci   faceva   segno   )   sempre   sugli   imbrogli   o   sul   prezzo   massimo   che   avremmo   dovuto   offrire   per   una certa merce ! ( molto onesto ). Prossima   ed   ultima   tappa:   Colombo,   la   capitale   attuale   da   dove   eravamo   partiti   il   primo   giorno,   sede   dell'aeroporto   internazionale.   Durante   la   strada ammirai   gli   ultimi   scorci   di   vita   rurale,   bucolica,   una   vita   che   fà   pesare   meno   la   povertà,   una   vita   povera   ma   dignitosa,   una   vita   legata   all'acqua.   Infatti tutta   la   cultura   singalese   è   legata   all'acqua   dolce:   le   leggende,   le   risaie,   gli   invasi   artificiali,   le   grandi   piscine   degli   antichi   monaci,   le   donne   che trasportano   gli   otri   colmi   del   prezioso   liquido   dal   fiume   a   casa,   gli   innumerevoli   pozzi,   gli   elefanti   al   bagno.   E'   facilissimo   vedere   famigliole   intere   andare al   fiume   sorridenti,   le   donne   per   lavare   i   panni,   gli   uomini   per   lavare   il   furgoncino   o   l'elefante,   tutti   insieme   per   fare   un   bel   bagno   con   tanto   sapone   !   E che   dire   dei   meravigliosi   lunghi   capelli   neri   delle   ragazze.   Spesso   spiai   attingere   l'acqua   dal   pozzo   (   o   semplicemente   andare   al   ruscello   )   per   bagnare quotidianamente   la   folta   chioma   oggetto   di   mille   cure.   Infatti   sia   gli   uomini   che   le   donne,   dopo   aver   lavato   i   capelli   rigorosamente   con   acqua   non trattata   si   passavano   l'olio   di   cocco,   quello   di   cocco   comune   verde   per   tenere   in   piega   i   capelli,   quello   di   cocco   reale   giallo   per   irrobustirli   !   Ecco   svelato il   mistero   della   lucentezza   dei   loro   capelli   !   Questi   ultimi   erano   talmente   oggetto   di   cure   che   anche   i   pochi   benestanti   che   abitavano   a   Colombo,   con   un appartamento   moderno   dotato   di   tutti   i   servizi   come   doccia   e   vasca   (   senza   scaldabagno,   secondo   loro   non   serve   !   )   si   recavano   almeno   una   volta   alla settimana   ai   "pozzi   pubblici"   ,   una   sorta   di   bagni   a   pagamento   dove   era   possibile   lavare   i   capelli   con   acqua   di   pozzo   e   non   di   conduttura   (   che   secondo loro   rovinava   i   capelli   con   il   cloro   )...era   una   vera   e   propria   fissazione!   ...fatto   stà   che   tutti   gli   over   50   avevano   ancora   i   capelli   folti   e   neri   !!!...da   non crederci !!! Alla   base   di   tutto   però   c'era   anche   una   filosofia   di   vita,   per   la   quale   l'acqua   di   sorgente   era   considerata   il   legame   più   "profondo"   con   la   "madre   terra"   , legame che non doveva mai essere interrotto !!! Arrivati   a   Colombo   incominciai   a   vedere   il   rovescio   della   medaglia   della   dignitosa   povertà   di   campagna...la   povertà   di   città.   Accanto   a   moderni   grattaceli e   suntuose   ville   coloniali   giacevano   misere   e   sporche   spelonche   di   legno.   La   cosa   che   più   mi   impressionò   fu   l'enorme   baraccopoli   alla   periferia   della   città ben   visibile   da   un   trafficatissimo   ponte   dove   come   un   formicaio   di   ammassava   una   schiera   di   dannati   intorno   a   malsicure   case   di   lamiera   e   cartoni edificate intorno ad una enorme discarica di rifiuti dove la gente camminava alla ricerca di qualcosa di utile da mangiare o riciclare. Uno   spettacolo   da   girone   dantesco,   aggravato   dal   puzzo   dello   smog   e   dallo   sfruttamento   minorile.   Ricorderete   forse   un   famoso   film   di   alcuni   anni   fà   che descriveva   la   schiavitù   di   molti   bambini   costretti   a   lavorare   incatenati   per   nulla   e   di   uno   di   loro   che   aveva   tentato   di   ribellarsi   denunciando   tutto   alla stampa   (   fu   poi   ucciso   ):   pur   essendo   ambientato   in   India   in   realtà   era   stato   girato   nella   bidon-ville   di   Colombo   in   Sri   Lanka   !   I   posti   di   blocco armatissimi   ogni   100   metri   completavano   il   quadro   di   una   città   secondo   me   non   molto   sicura   e   che   quindi   consiglio   di   visitare   al   massimo   una   giornata. Non   ha   più   niente   della   "città   giardino"   descritta   nel   Medioevo   !   L'unica   curiosità   che   trovai   fu   una   strada   ampia,   ai   lati   della   quale,   mano   mano   che   si cambiava   quartiere   si   poteva   notare   i   cambi   di   comunità   religiose   :   infatti   dapprima   incontrai   delle   grandi   statue   di   Buddha,   poi   di   Visnù,   Shiva   ed   altri dei   Indù,   poi   alte   croci   con   l'immagine   del   Cristo,   ancora   un   minareto   musulmano   e   poi   una   colorata   statua   di   S.   Antonio   da   Padova   (   un   santo   molto famoso nello Sri Lanka, durante il tour trovai in una stradina di campagna sperduta una chiesa in suo onore ! ). La pace tra le varie etnie e la tolleranza è però solo apparente ! Ci   fermammo   solo   una   notte   all'   Hotel   Taj   Samundra,   il   classico   albergo   per   europei,   vista   mare,   dove   il   lusso   più   sfrenato   faceva   da   padrone   a   prezzi ragionevoli. Servizio ottimo come al solito ! e molta pulizia ! Il   giorno   seguente   ci   recammo   all'aeroporto   per   partire   verso   Malè   (   capitale   delle   Maldive   )   con   un   volo   della   Air   Lanka   di   meno   di   due   ore.   Lucky,   la nostra   guida   alla   quale   ci   eravamo   affezionati   (   per   sei   giorni   ci   aveva   seguito   dormendo   nei   nostri   stessi   alberghi   ed   era   stato   a   nostra   disposizione   24 ore   su   24   )   ci   accompagnò   sino   al   controllo   passaporti,   rimanendo   in   attesa   del   completamento   delle   formalità   doganali   e   salutandoci   sino   a   quando   le nostre   sagome   non   sparirono   nel   "gate"   .   Prima   però   scattammo   una   foto   ricordo   e   consegnai   a   lui   (   e   alla   guida   )   i   soldi   rimasti   come   segno   di riconoscimento   per   il   buon   servizio   ricevuto.   Dopo   tante   fatiche   ci   aspettava   il   relax   di   una   atollo   nelle   Maldive.   Per   la   prima   volta   però   non   ero   così euforico di raggiungere la mia isoletta tropicale...lo Sri Lanka mi aveva lasciato qualcosa dentro... Curiosità : -   Una   leggenda   dice   che   lo   Sri   Lanka   è   così   bello   da   essere   stato   scelto   da   Adamo   ed   Eva   come   alternativa   al   Paradiso   Terrestre   dopo   la   cacciata dall'Eden originale. - All'interno dell'aeroporto di Colombo ci sono dei contenitori dedicati alle varie cause umanitarie dove si possono depositare le Rupie avanzate.