IL TAHITIANO:
Premessa:
Le lingue Polinesiane appartengono ad unica famiglia Malayo-Polinesiana ( approfondimenti in basso ).
Quest'ultima si suddivide in un sottogruppo occidentale comprendente il Samoano ( Isole Samoa ), il Tongano ( Isole Tonga ) il Fakaofo, il Futuna e l'Uvea ( Isole a Sud di Samoa ) ed un sottogruppo orientale geograficamente molto più esteso e comprendente il Maori ( Nuova Zelanda ), l' Hawaiano ( Hawaii ) ed le lingue delle Isole Marchesi, delle isole Tuamotu, di Tahiti ( e delle Isole della Società ), gruppo delle Gambier, dell'Isola di Pasqua ed altri. 
La lingua ufficiale in Polinesia Francese è il Francese ma la lingua Tahitiana è correntemente usata.

Anzi non è raro sentire una combinazione di entrambe !!!
La lingua Tahitiana è parlata soprattutto dai giovani (da qualche anno viene addirittura insegnata nelle scuole, qualche ora a settimana), oppure privatamente in famiglia dagli anziani. Questi ultimi però evitano di parlarla in pubblico (e scoraggiano i propri figli a farlo) in quanto per centinaia di anni (dopo l'avvento del colonialismo) è stata considerata dapprima una lingua profana ( dai  missionari cristiani),  poi una lingua per "selvaggi". Ancora oggi le persone più "attempate" considerano il Tahitiano come la lingua dei "bifolchi", un dialetto da villani e pur conoscendolo bene si vergognano a parlarlo !
Dal 1974 la lingua è tutelata dall'Accademia Tahitiana.

L'alfabeto Tahitiano comprende soltanto 13 lettere:
5 vocali:  A, E, I, O, U
8 consonanti:  F, H, M, N, P, R, T, V
Vengono usate più raramente anche le consonanti B, G e K, ma non sono originarie di Tahiti.
( infatti per esempio Bora Bora si chiamava in realtà Pora Pora )
La pronuncia per fortuna è molto simile all' Italiano piuttosto che al Francese o all' Inglese.
... ovviamente non pretendo di insegnare il Tahitiano, ma se vi troverete di fronte un cartello, un testo di una canzone, un prodotto artigianale , un nome di un' isola, di una persona, di un villaggio o di un  hotel oppure di un cibo questo mini-vocabolarietto può esservi utile ...e poi  farete  bella figura !!! ;-) 
.

 
La divisione del tempo          
anno 
dopo domani 
alba 
oggi 
l'altro ieri 
precedentemente 
crepuscolo 
data 
domani 
epoca 
futuro 
ora 
ieri 
giorno 
a lungo
mattina 
mezzogiorno 
mezzanotte 
minuto 
mese 
Natale 
notte 
stagione 
settimana 
sera, tramonto
tempo
matahiti 
ananahi atu 
tataiao 
i teie mahana 
inanahi atu 
i te matamua 
te marumarupo 
tai' o mahana
ananahi 
anotau 
tau i mua nei 
hora 
inanahi 
mahana, ao 
mea maoro roa 
po' ipo' i 
avatea 
tu'iraa po 
miniti, minuti 
ava' e 
Noere, Noera 
po 
tau 
hepetoma 
ahiahi 
taime
  Lunedì 
Martedì 
Mercoledì 
Giovedì 
Venerdì 
Sabato 
Domenica 
Gennaio 
Febbraio
Marzo 
Aprile 
Maggio 
Giugno 
Luglio 
Agosto 
Settembre 
Ottobre 
Novembre
Dicembre 
monire 
mahana piti 
mahana toru 
mahana maha 
mahana pae 
mahana ma'a 
tapati
tenuare 
fepuare 
mati 
eperera 
me 
tiunu 
tiurai 
atete 
tetepa 
atopa 
novema 
titema
La famiglia, le persone          
adolescente 
antenati 
bimbo 
discendenti 
bambino 
bambino adottato
straniero 
famiglia 
donna 
figlia bambina 
figlia ragazza 
figlio bambino 
fratello più anziano 
fratello più giovane 
ragazzo 
figlio legittimo 
nonni 
uomo 
taure'are'a 
hui tupuna 
aïu 
huaài 
tamarii 
faamu 
popaa 
fetii 
vahine 
tamahine 
potii 
tamaiti 
tuaana 
tuane 
tamaroa 
huno'a tane 
tupuna 
tane
  idiota 
intelligente 
giovane, pivello 
gemello 
marito 
madre 
genitore 
povero 
padre 
piccolo, bambino 
nipote 
popolo 
sorella 
turista 
vedova 
vecchio, saggio
ma'au 
maramarama 
api 
maehaa 
tane faaipoipo 
metua vahine 
fetii 
veve 
metua tane 
mau motua 
mootua 
nuna'a 
tuahine
ratere
vahine ivi 
ru'au
L'alimentazione           
alcool 
cibo, pasto 
fiammifero 
amido 
piastra 
burro 
birra 
biscotto
bistecca 
ciotola 
dolciume 
bollire 
bottiglia 
caffè 
sigaretta 
cioccolata 
noce di cocco 
coltello 
cucchiaio 
cucina 
piccolo pasto 
acqua 
fame 
farina 
forno 
forno tahitiano 
forchetta 
formaggio 
sformato 
gas domestico 
grasso, unto
ava 
ma'a 
mati 
pia 
mereti 
pata 
pia 
faraoa monamona 
pua' atoro 
au' a 
monamona 
titata 
mohina 
taofe 
ava' ava huti 
monamona totora 
niu 
tipi 
punu 
fare tutu 
tama'araa po'ipo'i 
pape, vai 
po' ia 
faraoa ota 
umu 
ahima' a 
patia 
pata paari 
faraoa monamona 
mahu ahi 
hinu, me' i
  fagiolo 
olio 
prosciutto
latte 
legumi 
mercato 
cibo, vitto 
uovo 
pane 
cestino 
patate dolci 
pesce crudo 
tavolata 
ristorante 
sale 
salvietta 
salsa di cocco 
sete 
zuppa 
zucchero 
tabacco 
tavola 
té 
bicchiere 
carne 
vino 
aceto 
essere sazio
molto buono
pipi 
hinu 
pua' a hamu 

ma'a tupu 
matete 
ma'a 
huero 
faraoa 
ete 
umara 
ia ota 
tama' araa 
fare tama' araa 
miti papaa 
tauera 
miti hue 
po' iha 
tihopu 
tihota 
avaava 
airaama' a 
ti 
hapaina 
i'o 
uaina 
vinita 
païa 
maitai roa
Le misure          
chilo 
chilometro
tiro 
tirometera
  litro 
metro
ritera 
metera
I mestieri          
contadino 
avvocato 
domestico 
panettiere 
capitano (di nave) 
carpentiere 
chirurgo 
cuoco 
dottore 
domestico 
fattore 
custode 
gendarme 
infermiere 
insegnante
ta'ata fa' a'apu' 
paruru 
vahine tavini
ta' ata'eu faraoa 
raatira pahi 
tamuta 
taote tâpu 
tutu 
taote 
tavini 
ta'ata afa'i rata ta'ata tia'i 
muto' i farani 
utuutu ma'i 
orometua tuatahi
  interprete
giardiniere 
marinaio 
mestiere 
notaio 
pilota 
poliziotto 
professore 
regina 
re 
saggia-donna 
segretaria 
soldato
auvaha 
ta'ata fa'a'apu tiare 
ihitai 
toro' a 
notera 
pairati 
muto' i 
orometua tuarua 
arii vahine 
arii 
vahine-faafanau 
papa'i parau 
fa'ehau
La natura          
luna  avae   mare  miti
stella  fetia   nuvola  ata
cielo  rai   vento  mata' i
lampo, fulmine uira   alisei sud-est maraamu
atmosfera  reva   alisei nord-ovest toerau
cometa  fetia ave   alisei est maoae
luce, chiaro ao   brezza di terra hupe
pioggia  ua   sole  mahana, ra
oceano moana   tuono  patiri
La fauna, gli animali          
bovino
carancide (tonnetto)
centopiedi 
gatto 
cane 
maiale 
coquillage 
granchio di terra 
pua' atoro 
urua 
veri 
piifare 
uri 
puaa 
pupu 
tupa 
  pesce spada 
aragosta 
lucertola
zanzara 
uccello 
pesce 
pollo 
squalo
ha' ira 
oura miti 
mo' o 
naunau 
manu
ià 
moa 
ma'o
La flora,  le piante          
ananas 
banana 
albero 
albero del pane 
frutta dell'alb.del pane 
albero del ferro 
banano selvatico 
castagno tahitiano 
limone
painapo 
mei' ha 
tumu' ra' rau 
maïore 
uru
aïto 
fei 
mape 
taporo
  albero dei cocchi 
gardenia tahitiana 
ibisco 
igname (legume)
mango 
melone 
arancio, arancia 
palma da cocco 
pandano 
mela 
vaniglia
tumu haari 
tiare 
aute
taro, ape, hoi, ufi
vi
mereni papaa 
anani 
niau
fara 
apara 
vanira
La geografia          
terra, paese
strada 
montagna
fiume 

 

fenua 
purumu 
moua 
vaï 

 

  Germania 
Inghilterra 
Cina 
cinese 
USA 
Francia, francese 
Giappone
Polinesia
Russia
Purutia 
Peretane 
Taine 
tinito, tin'to 
Amerite, Marite 
Farani 
Tapone 
Porineta 
Rutia
Il mare           
barca 
vela 
pagaia
onda
pahi 
ie 
hoe 
are
  isola 
laguna 
corallo 
riva del mare 
motu 
taïroto 
pua, toa, farero, feo 
tahataï
Le canzoni ed il ballo          
gonna da ballo 
tamburo 
more
toere
  canzone 
ballo
himene 
ori
Le parole di uso 
frequente
         
benvenuto
ciao, buon giorno 
ciao, ciao !!! 
vietato, intoccabile 
va bene 
grazie 
no 
sì 
noioso 
casa 
copriletto 
immagine di un dio 
antico luogo di culto
ritornare 
stregone 
capo 
celebrazione 
banca 
hotel 
piccolo 
grande 
spirito, soprannaturale
se 
abbastanza 
davanti 
dietro 
tra, nel mezzo
destra
sinistra
cielo
maeva
ia orana
nana 
tabu, tapu 
maitai 
maururu 
aïta 

fiu 
fare 
tifaifai 
tiki, ti' i 
marae 
tupapau 
tahua 
ari' i 
heiva 
fare moni 
hotera 
iti 
nui 
mana 
ahiri 
atira 
mua
muri 
i ropu 
atau
aui
ra'i
  pantaloni 
carta 
poi
qualche volta 
molto
appena 
tanto tempo 
giammai

adesso 
raramente 
muovere lontano 
vicino a 
qui 
lí-basso 
ancora 
anche 
ma 
quando
d'ora innanzi 
come 
quanto 
questo è fatto bene! 
su, sopra 
sopra 
eccetto 
insulto 
sotto
capelli
lpiripou
parau 
i muri iho
arauae 
e mea rahi
aita reà 
maoro 
e ora roa 
i reira 
i teie nei
varavara
atea 
fatata 
i o nei 
i o 
faahou, â 
aloà 
areà
ahea, afea 
nai teie nei atu
nahea, nafea 
e hia, toohia 
Aitoa ! 
i nia i
na nia 
maori ra 
titoï, taïoro 
i raro ae
huruhuru
I verbi          
abbbassare 
abbandonare 
ridurre 
adorare 
inginocchiarsi 
aiutare
piacere 
andare 
intrattenersi
chiamare
portare 
imparare 
tirare fuori 
sedersi 
attendere 
prendere
rompere
farsi il bagno 
ciarlare 
bere
cantare 
cercare 
capire 
tagliare
correre 
gridare 
ballare 
mangiare, cenare 
richiedere 
scendere 
svestirsi 
diminuire 
dare, donare 
dormire 
ascoltare 
scrivere 
baciare/abbracciare 
registrare 
sentire 
entrare 
inviare
tentare 
spegnere 
richiedere 
fare 
chiudere 
tenere 
vivere
domandare 
invitare 
allentare, liberare 
congedarsi, lasciare
lavare
aumentarsi
faaha' ehaa 
faaru' e, haapae 
tapu 
haamori 
tuturi
tauturu 
here 
haere 
arearea 
pi' i 
hopoi 
haapii 
iriti, huhuti 
parahi 
tia' i 
haru 
faarahi 
hopu 
paraparau 
inu 
himene 
imi, tii 
ta'a 
tapu 
horo 
tuo, tuoro 
ori 
tamaa 
ani 
pou 
iriti i te'ahu 
faaiti 
horo'a, ho 
ta' oto 
faaroo 
papa'i 
ho' i, apa 
haruharu 
faaroo 
haere i roto, tomo 
hapono, tono 
tamata 
tupohe 
titau 
hamani 
opani 
tiai 
noho 
ui 
titau 
tu' u 
vaiiho 
horoi 
ti' a i ni'a
  legare 
leggere 
affittare
lottare 
mangiare 
passeggiare 
ammassare 
portare 
dire una bugia 
mettere 
portare 
mostrare
morsicare
nuotare
pulire
obbedire 
aperto 
parlare 
partire 
pagare 
verniciare 
perdere 
piangere 
portare 
spingere 
portare 
pregare 
punire 
gettare, lanciare 
raccontare 
ricevere 
indietreggiare 
lo scarto 
guardare 
ringraziare 
rinviare, ritornare
trattenere 
risvegliarsi 
ritornare 
ridere 
risparmiare 
sapere, conoscere 
tranquillizarsi
tenere 
tirare 
cadere 
girare 
tossire 
imbrogliarsi 
vendere 
venire 
vedere 
votare 
volere
ta' amu 
tai'o 
arue 
taputo 
amu 
haere 
taurumi
arata' i 
haavare
tu' u 
pa' iuma 
faa' ite 
hohoni 
'au 
tama 
faaroo, haapa' o 
iriti 
parau 
reva 
aufau 
peni 
mo' e 
ta'i 
hopoi 
tura' i 
rave 
pure 
faautu' a 
faaru' e 
faati' a 
farii 
otohe 
pato' i 
hi'o 
haamauruuru 
faaho' i 
tape'a 
fa' aara 
ho' i 
'ata 
faaora 
'ite 
mamu 
tape'a, mau 
ume, huti 
topa 
tipu' u 
hota 
hape 
ho'o 'atu 
haere mai 
'ite 
ma' iti 
hina' aro
La numerazione          
uno 
due 
tre 
quattro 
cinque 
sei 
sette 
hoe ou tahi 
piti 
toru 
maha 
pae 
ono 
hitu
  otto 
nove 
dieci 
cento 
mille
diecimila 
milione 
vau 
iva 
ahuru 
rau, hanere
tauatini 
ahuru tauatini 
mirioni
I colori          
bianco
blu 
giallo 
nero 
uouo, teatea 
ninamu, moana 
rearea 
ereere
  arancione 
rosso 
verde 
viola 
anani 
uteute 
matie 
vareau
Le espressioni di uso comune .
Ciao, buongiorno ( riferito a più persone )  Ia ora na outou
Come va ?  E aha to oe huru ?
Si sieda A parahi
Loporto bene ( riferito ad un peso ) E mea maitai au
Lo porti bene ? ( riferito da un peso ) E mea maitai anei oe ?
E tu ?  E o oe ?
Salve ! Ia ora !
Venite ! A  haere mai !
Andiamo ! Haere tatou !
Dove vai ?  Te haere nei oe i hea ?
Vado a casa  E haere au i te fare
Vado in banca  E haere au i te fare moni
Andrò a Moorea domani  E tere au i Moorea ananahi 
Lei, lui, loro due, noi  0e, oia, raua, tatou
Dove andate  ? Te aere nei orua i hea ?
Noi andiamo a Bora Bora E aere maua i Bora Bora
Io, lui, noi due, noi  Vau, ona, taua, matou
Che fate  ? Te aha na orua ?
Non sono arrivati Aita raua i tae mai
Da dove vengono i loro fiori ?  No hea mai ta ratou tiare ?
Da dove provieni ? No hea mai oe ?
Sono americano  No te Fenua Marite mai vau
Che desidera?  E aha to ratou hinaaro ?
Dove e' la vostra casa ?  Tei hea to outou fare ? 
Alla salute!  Manuia !
Buon Natale Ia orana i te noera
Buon anno Ia iorana i te matahiti api
Ti amo Ua here vau ia oe
Gira a destra  Na te pae atau
Gira a sinistra  Na te pae aui
Vieni qui !  Haere mai !
Come si chiama ( riferito ad una cosa ) ? Eaha te i'oa o teie ?
Quanto costa ? Ehia moni teie ?
Vuoi da bere ? Ua hina'aro oe e inu ?
Hai fame? Ua po' ia anei oe ?
Non ho capito  Aita i papu ia' u
Per favore parla lentamente Faataere te parau
Ripeti per favore ! Tapiti !
Parli Inglese?  Ua ite oe i te parau Marite ?
Quale è il tuo nome?  O vai to oe i'oa ?
Mi chiamo Stefano ! O Stefano to'u i'oa !
Molto buono ! E mea maita'i roa teie
Guarda !  A hi'o !
Mi mostra come si fa' per ....  Fa'aite mai ia'u ite e'a....
Dove vive ? I hea oe e faaeia ai ?
Vivo a Rangiroa  I  Rangiroa vau e faaeia ai
Che vergogna Mea hamaa
Personaggio strano ! Taravana !
I nomi propri...  un'idea per chi aspetta ?   ;-)
Clicca su "i Nomi Tahitiani"
I linguaggi polinesiani Clicca sui "Linguaggi Polinesiani"

 
Un pò di approfondimento :
In Polinesia Francese su una popolazione di circa 200.000 abitanti si parlano circa quattro lingue indigene ( oltre al francese  ed a parecchi dialetti Cinesi e lingue straniere come l'Inglese o il Giapponese ) divise in 18 dialetti ben distinti. 
Le lingue indigene parlate ( polinesiane ) sono il Tahitiano, il Tuamotuano, il Marchesano ed il Mangarevano ma il Tahitiano rappresenta il linguaggio principale in quanto è parlato dal 70 % della popolazione ed abbastanza capito dal restante 30 %. Il Tahitiano è parlato principalmente nelle isole della società, con differenze dialettali fra le isole Windward ( Isole Sopravvento ) e le Leeward ( Isole Sottovento ). Inoltre è parlato anche nelle isole Australi e sulla lontana isola di Rapa ( dove si contano addirittura 5 dialetti ).
Il Tuamotuano è parlato nella  maggior parte degli atolli dell'arcipelago delle Tuamotu ( sono circa in 10.000 a parlarlo ).
Ci sono otto dialetti all'interno del Tuamotuano, con alcune differenze anche notevoli negli atolli più distanti, come per esempio Napuka ed Anaa.
Il Marchesano è parlato nelle isole di Marchesi da circa 7.500 persone ed è diviso in due dialetti piuttosto definiti, uno concentrato intorno a Nuku Hiva nel nord-ovest e l'altro intorno a Hiva Oa nel sud-est.
L'altra lingua parlata in Polinesia Francese è Mangarevano, parlato oramai da poco meno di mezzo migliaio di Polinesiani dell'arcipelago delle Gambier. 
Ma da dove provengono i linguaggi della Polinesia Francese? 
I linguaggi Polinesiani fanno parte di una famiglia più vasta di linguaggi Malayo-Polinesiani ( o Austronesiani ) che hanno colonizzato mezzo globo dal Madagascar all'Isola di Pasqua.
( leggi anche i linguaggi polinesiani )
 Secondo le date del radiocarbonio connesse ai raduni culturali degli Austronesiani l'origine della grande lingua comune risale a circa 7.000 anni fa'.
Pensate che la grande famiglia da cui provengono i linguaggi Polinesiani ha oggi più di mille lingue che rappresentano il 20% di tutte le lingue del mondo ( quindi è il ceppo più grande ) e si stima siano parlate da più di 200 milioni di persone.
Le lingue Austronesiane sono parlate non soltanto nel Madagascar e su parte dell'isola di Mayotte ( Isole Comores ) ma anche in quasi tutta la Malesia, Singapore ed Indonesia ( con alcune eccezioni in Irian Jaya, Halmahera e Timor dove sono parlate alcune lingue originarie della Papua ).
Inoltre sono parlate nelle zone del Vietnam e della Cambogia del sud, nelle isole di Mergui ( a largo della Birmania ) e di Hainan ed anche nelle popolazioni indigene di Taiwan e delle Filippine.
Andando verso Est sono parlate nelle zone costiere della Papua Nuova Guinea, Nuova Bretagna ed in Nuova Irlanda fino ad arrivare in Melanesia ( ceppi minori ) come nella Nuova Caledonia e nelle Fiji.
Poi ovviamente sono parlate in Polinesia ed anche in parte della Micronesia. 
La distribuzione di queste lingue è abbastanza irregolare; la più grande delle lingue Austronesiane è il Giavanese con 60 milioni di persone ( in effetti le dieci più grandi lingue Indonesiane rappresentano circa i due terzi di tutte le persone di lingua derivata-Austronesiana ); le più piccole invece hanno pochissimi rappresentanti come in Melanesia.
Dalla zona della Taiwan, gli Austronesiani si sono spostati nelle Filippine, poi attraverso il Borneo hanno raggiunto Sumatra e Java, con ramificazioni nella penisola Malese e zone orientali dell' Indocina, Vietnam e Cambogia. Una seconda espansione si pensa si sia mossa  verso le Sulawesi e nella zona di Timor, Ceram-Ambon, mentre un altro ramo andò verso Halmahera ed Irian Jaya ( 3500 AC ) e lungo il litorale del nord dell'isola della Nuova Guinea ( 3000 A.C. ) fermandosi nella zona della Nuova Bretagna e Nuova Irlanda per poi in un secondo momento muoversi in pieno Oceano Pacifico ( il linguaggio Proto-Polinesiano che si distinguerà nei vari linguaggi  Polinesiani ) iniziando dalle Fiji ( 1500 A.C. ) e da Tonga/Niue.
Dalla zona della Fiji e Tonga/Niue si sparsero verso l'est, prima alle Samoa ed al gruppo delle Tokelau ( 500 A.C. ); poi ancora verso est nelle Marchesi ( 100 D.C.), le isole della Società, Tuamotu, Mangareva ed Isola di Pasqua ( Rapanui 400 D.C. ). Dalle Marchesi si passò alle Hawaii ed infine alle Isole Cook ed alla Nuova Zelanda ( 900 D.C. ). 
Per dimostrare il collegamento tra le varie lingue Polinesiane ecco un esempio:
 
Parola PROTO-
POLINES.
TAHITIANO MARCHES. RAPANUI FUTUNANO UVEANO HAWAIANO RAROTONGANO
( MAORI COOK )
SAMOANO TUAMOTUANO TONGANO FIJANO MAORI
NZ
Andare 'sa'ele haere he'e haere saele haa'ele haele 'aere          
Cielo langl ra'i 'aki, 'ani rangi langi langi lani   langi rangi langi langi  
Capelli 'fulu huruhuru hu'u huruhuru fulu   hulu 'uru fulu huru fulufulu   huru

Leggi  anche i:
Linguaggi Polinesiani