Appunti di Viaggio ai tropici
Appunti di Viaggio ai tropici HOME IL CLIMA DEI PAESI CALDI VIAGGIARE CON I BIMBI ANIMALI MARINI PERICOLOSI VIAGGI AEREI VOLTAGGI, PRESE, CONSIGLI LA VALIGIA COFFEEWARE I VOSTRI VIAGGI PRONTO SOCCORSO BIMBI CONVERSIONI UNITA', VALUTA E FUSI ORARI VIAGGI E SCARAFAGGI SITI AMICI ZIBALDONE PERSONALE CONTATTI
La cosa più importante da portare: è la pazienza ed il sorriso, poi è indispensabile una giusta dose di buon senso, prudenza e serenità che unita ad un pizzico di fortuna completerà positivamente il viaggio.  Prima di partire è fisiologico avere un pò di paura ed apprensione (incentivata anche dai commenti degli "altri", in primis nonni, non viaggiatori o invidiosi) ma poi passa e quello che resta è una esperienza piacevolmente indimenticabile.  Indimenticabile in quanto viaggiare con i nostri cuccioli non è affatto una limitazione per chi intende il viaggio come conoscenza, cultura e godimento della natura e della diversità, anzi è un valore aggiunto.  Sicuramente alcune (poche) tappe, mete o escursioni più estreme che si farebbero senza figli sono precluse quando si parte con bambini molto piccoli ma in cambio si ottengono altri vantaggi quali la maggiore facilità di interagire con la popolazione locale e quindi fare amicizia, capire un luogo osservandolo da un'altra visuale o semplicemente scambiare un sorriso o una foto: non potete immaginare quanto un bambino possa far cadere le barriere di diffidenza che ci sono nei confronti di uno straniero, per non parlare quando a far amicizia sono i nostri figli con i figli dei locali, sembra incredibile come riescano a capirsi pur non parlando la lingua dell'altro e spesso nemmeno la loro!  Un altro valore positivo è godere delle meraviglie del mondo attraverso le emozioni, più intense delle nostre, che provano i bambini; è un conto, ad esempio, fare un giro in elefante nella giungla per noi ed un conto lo è per un bambino: le sue emozioni amplificano le nostre, immaginando le sue sensazioni regrediamo un pò anche noi adulti e ci appaghiamo di più. Ovviamente chi concepisce una vacanza solo come un periodo di riposo (ozio e grandi dormite) o divertimento mondano (locali e discoteche) portare dietro i bambini sarebbe solamente un incubo ! Per i bambini più grandi (per esperienza personale già dai tre anni) un lungo viaggio crea un ricordo indelebile di una meravigliosa avventura che si è potuta vivere tutti insieme, con la famiglia, mentre per i più piccoli (i quali scorderanno tutto nel giro di un anno se la loro memoria non sarà rinfrescata da racconti e foto, al massimo manterranno dei flash di episodi singoli) pone le basi indispensabili a renderli avvezzi ai piccoli disagi che si ripeteranno nei viaggi futuri forgiando contemporaneamente un imprinting che spero impari loro a non temere mai la "diversità" quando questa non rappresenta un pericolo (razzismo). La prima cosa da scegliere è il luogo.  Possibilmente un luogo dove si possa fare rifornimento (almeno una volta) di quelle cose che non sono entrate in valigia (per esempio il restante degli omogeneizzati e dei pannolini), dove non ci siano gravi problemi sanitari come epidemie in atto: per questo fare riferimento ad ai siti d'informazione turistica (e non alle agenzie di viaggio o ai tour operator) come:  http://www.viaggiaresicuri.it/ http://www.healthmap.org/en e che sia raggiungibile in un certo numero di ore compatibile con la vostra pazienza (se infinita o quasi :  nessuna limitazione!)   Consiglio di partire con una scorta di pannolini/salviettine (purtroppo pesano molto) ed omogeneizzati (ad esempio 6 pesano circa un chilo !) che permetta un'autonomia di 5-6 giorni e poi quando possibile (ma anche appena arrivati) fare rifornimento per il resto del viaggio in un supermercato o in uno spaccio (ricordarsi di comprare anche l'acqua sigillata in bottiglie). Si possono evitare invece quintali di abiti e cambi per grandi e piccini ;-)  Spesso non troverete, anche a parità di marca, gli stessi omogeneizzati con i gusti comuni italiani ma i bambini sanno adattarsi bene.  Gli oggetti ed i consigli sono complementari a quelli descritti nella pagina della valigia Avvisi ed informazioni aggiornate prelevate dinamicamente dal sito Viaggiare Sicuri:   *** IMPORTANTE PRIMA DI PARTIRE *** Passaporto: sino al 2009 bastava registrare il nome del proprio bimbo nel passaporto ad eccezione degli Stati Uniti e nei paesi di influenza USA, dove tutti i bimbi (anche appena nati) dovevano avere un passaporto individuale (ottico con foto digitale per non richiedere il visto); da fine Novembre 2009 TUTTI i bambini dovranno avere un proprio passaporto ad eccezione di quelli iscritti nel documento dei genitori ancora non scaduto. A scadenza dello stesso non potranno essere più inseriti e dovranno quindi farne uno individuale.  Resta la regola che nell'area USA non possono entrare i bambini che non hanno un proprio passaporto.  Anche nei paesi dove il passaporto non è necessario (Area Schengen o particolari località molto turistiche) i bambini devono avere un proprio documento (informarsi sulla tipologia).  Per ulteriori informazioni (le regole possono cambiare) è meglio consultare il sito delle Polizia di Stato o telefonare all'ufficio passaporti del commissariato di zona (sono gentili, io l'ho fatto spesso).  Controllare che negli altri documenti di viaggio, come nelle assicurazioni, siano compresi i propri bimbi. Consigliabile una visita pediatrica di controllo.  Io, nei periodi invernali, evito di farla nei giorni immediatamente prima della partenza per evitare di contagiarsi nella sala d'aspetto. In ogni caso è insispensabile una Assicurazione di viaggio: per ogni evenienza sanitaria e non (perdita bagaglio)  Vaccinazioni: ai miei figli, oltre alle vaccinazioni eventualmente obbligatorie, aggiungo anche quelle riguardanti il tifo, tutte le malattie esentematiche (si fanno una volta sola nella vita, alcune rientrano nel piano obbligatorio sanitario italiano, altre sono facoltative) e nei periodi invernali anche l'anti-influenzale.  Consiglio di portare dietro una fotocopia del libretto delle vaccinazioni. Durante un viaggio appendo al collo delle mie figlie uno spago con un cartoncino (talvolta sotto la maglietta per proteggerlo) con sopra scritto nome, cognome, nazionalità e numero di cellulare: in caso di smarrimento in aeroporto (e non solo) sarà utilissimo ! Clicca qui per un esempio  Se il bambino è celiaco...consigli per un viaggio all'estero Vuoi un tesserino in pdf con la lista delle sostanze a cui si è allergici nella lingua del paese che stai visitando? Leggi qui. COSA PORTARE: La Farmacia pediatrica viaggiante:  Oltre a quella elencata nella sezione "adulti" come termometro, cerotti o disinfettanti, sperando che non serva mai, occorre aggiungere per essere "autonomi", possibilmente da tenere nel bagaglio a mano: Paracetamolo (tipo la Tachipirina pediatrica e mai ai tropici l'Aspirina) in gocce per abbassare la febbre (solo se superiore ai 38°). Reidrax (o simile) in bustine per re-idratare il bimbo se disidratato da diarrea o forte sudorazione (caldo); in caso di mancanza una qualsiasi bevanda, compreso piccoli sorsi di Coca Cola (magari sgasata), possono sopperire temporaneamente alla carenza di acqua e sali minerali. Vitamine (quelle che si danno di solito ai bambini). Antibiotici a largo spettro (pediatrico o con dosi adattabili ai bambini).  IMPORTANTE: scegliere un antibiotico che una volta preparato in sciroppo non debba essere tenuto in frigo ma a temperatura ambiente altrimenti come farete in caso di somministrazione durante un trasferimento ? Flaconcini già pronti di glicerina (tipo Microglicerine) da usare in caso di stipsi (stitichezza). Soluzione fisiologica (tipo Nasonet) per tenere sempre pulito il nasino (anche come prevenzione dell'otite).  I bagni al mare in questo senso fanno bene perchè la soluzione fisiologica è molto simile alla composizione salina del mare (non inquinato s'intende !).  In caso di intasamenti più gravi (raffreddori usare qualcosa di più specifico (esempio: Argento proteinato) Disinfettante per ciucci e biberon in pastiglie/bustine.  Ho usato con successo le pastiglie di Milton (una per ogni ciclo) mettendo a mollo i vari oggetti o in un pentolino (scomodo perchè piccolo) o direttamente (per un'oretta) nel lavandino di un hotel (comodo, meglio dello sterilizzatore !).  Si può usare anche l'Amuchina. VARIE:  ...oltre tutto quello citato nella sezione adulti come per esempio creme solari, occhiali da sole o repellenti vanno aggiunti: Omogeneizzati, salviettine e pannolini: come ho scritto sopra è importante una quantità della durata di qualche giorno, poi si compreranno in loco (sarebbe meglio informarsi prima).  Magari portare qualche omogeneizzato in più di carne e pesce (se il bimbo ha gusti difficili) in quanto sono i meno facili da reperire (rispetto frutta e verdura) mentre i gusti "locali" sono sempre molto "fantasiosi" (ma ugualmente buoni!).  Qualcuno va tenuto nel bagaglio a mano per il viaggio e soprattutto per la sala d'aspetto (più la scorta per eventuali ritardi nelle partenze) mentre i restanti vanno spediti nella valigia in buste ben chiuse contenenti due-quattro vasetti per volta e per evitare danneggiamenti avvolti in qualcosa di soffice come un telo- mare. Latte in polvere/oppure liquido UHT. Pastina (500 gr bastano ad un bambino per circa una decina di giorni). Bustine di brodo liofilizzato e/o minestrine in busta pronte per essere cucinate. Creme di mais/tapioca e simili. Biscotti. Pentolino, posate (non portate in aereo nel bagaglio a mano altrimenti ve le sequestrano) ed eventuale fornello elettrico (solo se la tensione di rete è 220-250V come la nostra: consultare questa tabella) Shampoo per bambini (che non brucia gli occhi) ...magari per evitare doppioni in valigia lo useranno anche i grandi ! Piccoli giochini (automobilina, libricino, bambolina, matite...non di più ) per intrattenimenti vari. Ciambella/braccioli e , paletta con secchiello se si va al mare. Ciucci, biberon ed accessori vari di ricambio.  Attenzione: nel bagaglio a mano in aereo non fanno portare più di un biberon a bambino, quindi riempirne uno solo, meglio se di plastica per evitare rotture da caduta, con acqua (poi in aereo il latte si trova!). Talvolta durante l'attraversamento del "gate" per l'imbarco fanno svuotare i biberon di ogni liquido; in questo caso lo si può riempire di nuovo d'acqua o di latte in aereo o, se presente, nel bar all'interno della sala imbarchi: regolarsi. Contenitore-termos porta pappa. Porta biberon a tenuta termica (per mantenere fresca l'acqua in caso di escursioni sotto il sole) NOTE SULLA PAPPA:  Ovviamente bisogna un poco arrangiarsi ma con quello portato (omogeneizzati, biscottini, pastina) e con quanto reperibile in loco non ci dovrebbero essere problemi.  Per esempio il latte in polvere può non piacere ed il latte fresco può essere di difficile reperibilità: lo si può sostituire con lo yugurt (in genere si trova).  Se invece in quel momento si è in viaggio si deve temporaneamente sostuire il "latte" con succhi, yogurt non freschi in vasetto od omogeneizzati di frutta. Il pasto principale giornaliero deve rimanere la pastina o le varie creme/brodini vegetali.  Ci sono due modi per cucinarlo:  1) cucinarlo in stanza automamente.  2) farlo cucinare dal personale dell'albergo o del ristorante.  Cucinare nella stanza di un hotel/pensione/villaggio sarebbe vietato per motivi di sicurezza ma vi assicuro che lo fanno tutti: Italiani e non Italiani. Per poter cucinare la pappa però c'è bisogno di un fornello elettrico e in Italia è possibile acquistare solo i modelli che vanno a tensione elettrica 220-250V. Nel caso in cui la tensione locale fosse 110-120V (come per esempio negli Stati Uniti, in Messico, ai Caraibi, ecc.: vedi la mia tabella ) o si rinuncia a cucinare in maniera autonoma, o si compra un fornello in loco (cosa non sempre possibile) oppure se si ha a disposizione in stanza un bollitore per il caffè si può tentare con quello.  Personalmente non ho mai avuto problema a farmelo cucinare laddove non potevo essere autonomo per motivi di tensione elettrica e se, anche talvolta meravigliato, il personale degli hotel/ristoranti è sempre stato molto disponibile e gentile. In questo caso è meglio avere tutti i componenti a disposizione, dal pentolino agli ingredienti e soprattutto aver bene in mente le frasi in lingua locale (quindi non necessariamente in inglese) con le quali spiegare il procedimento di cottura: nella maggior parte dei paesi non hanno mai visto cuocere una minestrina, almeno non come la facciamo noi;io mi scrivo prima di partire le frasi tradotte con l'ausilio di un vocabolario o tramite Google Translate.  Tra i cibi più comuni nel mondo (nonostante le differenti cucine) che possono integrare la dieta del bimbo: riso, pane, yogurt, frutta, succhi, corn llakes, mais, legumi vari, pollo e patate. Comunque nessun problema: a distanza di qualche anno dai miei primi viaggi con mia prima figlia la globalizzazione ha fatto passi da gigante: oramai si trova di tutto dappertutto! NOTE SUI VIAGGI AEREI:  I bimbi fino a 2 anni (classificati come categoria Enfant) non hanno diritto al posto a sedere e vanno tenuti in braccio oppure nell'apposita ”culletta” (teoricamente testata fino a 13 Kg di peso anche se spesso già a 10 Kg i bimbi non entrano in lunghezza!) che bisogna richiedere agli assistenti di volo e che va agganciata nella parete frontale dell'aereo (nella parete dove un tempo c'erano gli schermi-cinema).  La culletta, se disponibile, deve essere richiesta all'atto del check-in, quindi consiglio di andare in aeroporto con largo anticipo. Anche se il bimbo è troppo lungo per la culletta è comunque meglio preferire questa posizione (mi riferisco sempre a quella dove vengono agganciate le cullette) in quanto c'è più spazio per le gambe dei genitori e si può creare un comodo giaciglio a terra con le coperte (vedi foto).  In qualche raro e fortunato caso se non è disponibile il posto "comodo" viene offerto un "passaggio gratuito" in business :-) In genere il costo aereo per gli "enfant" è pari a circa il 10 % del prezzo degli "adulti".  Nonostante non abbiano un posto a sedere (dopo i due anni invece è obbligatorio e pagano quasi per intero) possiedono un loro biglietto (quindi non scordatevelo e controllate bene i dati perchè se errati andrà rifatto) Nella maggior parte dei casi potete evitare le lunghe file ai banconi dei "check-in economy" in quanto  (informarsi prima) le famiglie con bimbi piccoli possono fare il check-in anche presso i banconi delle classi  superiori.   Poichè in genere non si possono "spedire" più di 25 Kg a persona (ma alcune compagnie offrono di più) ed  il peso aggiuntivo di un viaggio con un bimbo è notevole, cercate di riempire bene il bagaglio a mano (in  genere max 5 Kg ma vedendo un bimbo chiuderanno un occhio) e soprattutto portate poco vestiario  (meglio avere pochissimi ed informali capi e lavarli mano mano sul posto).   Negli aerei delle tratte internazionali sono disponibili servizi come latte caldo e succhi di frutta a richiesta,  cuscini e fasciatoio (posto nel bagno più grande, quello compatibile con i disabili). Spesso, richiedendo il  "pasto speciale bimbi" all'atto della prenotazione vengono offerti anche gratuitamente omogeneizzati;  molte compagnie regalano gadget come giochini, favole o matite.   E' possibile spedire insieme al bagaglio il passeggino oppure trattenerlo (come consiglio) sino al momento  dell'imbarco, quando un addetto lo prenderà in consegna (all'interno dell'aereo per motivi di spazio non lo  fanno tenere quindi ricordarsi di togliere eventuali accessori "indispensabili" come biberon e ciucci dalla  retina porta-oggetti prima di consegnarlo). Immediatamente usciti dall'aereo (quindi all'interno del  corridoio che collega aereo con aeroporto) verrà riconsegnato. Per i biberon valgono le regole descritte nella sezione “VARIE”.  Durante le fasi del decollo e dell'atterraggio la differenza di pressione può causare qualche fastidio al delicato orecchio del bimbo; facilitare quindi la compensazione facendolo bere e/o tenendo il ciuccio in bocca. Fino a due anni di età non ci dovrebbero essere episodi di cinetosi (mal d'aereo, macchina, nave) in quanto questo problema è generalmente che può presentarsi dopo.  Lo stesso vale per il jet-lag (il bambino dorme quando vuole per cui il cambio di fuso orario è poco influente). Durante i periodi nei quali è obbligatoria la cintura di sicurezza i bimbi devono essere tenuti in braccio e viene data loro una speciale cintura che si aggancia a quella degli adulti.  Durante questi momenti (turbolenze comprese) non possono essere usate le cullette (ma se il bimbo dorme, l'emergenza è lieve e lo si chiede con molta gentilezza si può far "chiudere un occhio" al personale di bordo). Poichè la pressione/ossigeno all'interno della carlinga equivale a stare ad una altitudine "terrestre" di 1500/2000 metri si sconsiglia di viaggiare con bimbi al di sotto dei due/tre mesi.  Dopo non ci sono problemi (nemmeno se si soggiorna prolungatamente in montagna fino a 2000 metri) a patto ovviamente che il bimbo sia sano. Per patologie non gravi non necessariamente bisogna rinunciare a priori ad un viaggio ma è bene consultare uno o più medici; ad esempio mia figlia maggiore Maeva prima di essere operata a 5 anni aveva un difetto al cuore che non le ha impedito, dopo essermi adeguatamente documentato, di viaggiare anche a lungo raggio. Comunque il "difficile" è tenere "buoni" i bambini durante le lunghe ore di volo e la speranza è quella di incontrare un equipaggio gentile, dei passeggeri tolleranti e di possedere tanta, tanta pazienza (che sarà poi ricompensata). ;-)  A questo proposito consiglio di far scaricare l'energia dei bambini nelle sale di attesa prima dell'imbarco cercando di farli dormire a bordo ! Alcune foto e racconti di viaggi intercontinentali fatti con le mie figlie:  Messico (Maeva 1 anno): http://www.tropiland.it/mexico/messico.htm Reunion (Maeva 2 anni): http://www.tropiland.it/reunion/reunion.htm Australia 1 (Maeva 3 anni): http://www.tropiland.it/australia/australia.htm Singapore (Maeva 3 anni): http://www.tropiland.it/singapore/singapore.htm Isole Vergini (Maeva 6a + Marika 1a): http://www.tropiland.it/virgin_islands/isole_vergini.htm Thailandia (Maeva 6a + Marika 2a): http://www.tropiland.it/thailand/thailandia.htm Australia 2 (Maeva 8a + Marika 3a): http://www.tropiland.it/australia/australia.htm Islanda (Maeva 10a + Marika 5a): http://www.tropiland.it/islanda/iceland.html APPUNTI DI PRONTO SOCCORSO BAMBINI (....ma non solo)

Quando si viaggia con i bambini: consigli e dritte
E’ una realizzazione: Steve©   On line da Gennaio 1999
VIAGGIARE CON I BIMBI